Tricase: +39 0833 772451 Gallipoli: +39 0833 276107 info@bioes.it

Bamboo massage

 

All’interno dell’ampio catalogo della programmazione didattica dei corsi di massaggio non può mancare l’affascinante bamboo massage.

Secondo le filosofiche conoscenze degli  antichi cinesi, le canne di bambù erano in grado di far circolare al loro  interno l’energia e potevano essere quindi utilizzate per assorbirla quando questa  risultava in eccesso, ristabilendo così l’equilibrio energetico nel  soggetto trattato.  In Oriente, il bambù era inoltre  considerato un simbolo di eterna giovinezza, oltre che di salute, fortuna e  successo. Oggi le canne di bambù sono adottate  anche in Occidente per effettuare massaggi in grado di liberare dalle tensioni  sia i muscoli che la mente. L’operatore manovra le speciali canne di  bambù, vere protagoniste di questo massaggio, con manualità basate  essenzialmente su un gioco di polso, mediante una tecnica specifica di “riprese  rullate” (rotolamento e scivolamento).   Per sciogliere i vari strati di tensione  muscolare si fanno rotolare adeguatamente sul corpo della persona, ed ovunque  necessario; vengono utilizzate anche delle particolari tecniche di  picchiettamento.

È un massaggio vigoroso, dalle spiccate  caratteristiche biostimolanti e riattivanti, particolarmente indicato per i  grandi gruppi muscolari dei glutei, delle cosce e per il punto vita.   Il bamboo massage è un  massaggio di benessere ideale sia per l’uomo (soprattutto per lo sportivo,  grazie alla profonda stimolazione neuromuscolare che ne deriva, valorizzandone  così  le caratteristiche decontratturanti e miorilassanti) che per la  donna (ottimo sia in presenza di cellulite, che in presenza di ristagno  linfatico e di liquidi, perché con le varie manualità del massaggio, vengono  enfatizzate le proprietà drenanti e riattivanti).

L’utilizzo delle canne permette  all’operatore di coprire superfici maggiori, di andare in profondità e allo  stesso tempo di fare meno fatica. Le canne di bambù  hanno diametri e  lunghezze diversi, in modo da personalizzare adeguatamente le varie manovre sui  singoli distretti muscolari. Il lavoro varia a seconda della persona  che riceve il trattamento e delle necessità che presenta. Solitamente ci si sofferma di più sul  massaggio alle gambe e nei punti “critici” delle cosce e dei glutei.
Dopo aver trattato la parte posteriore del corpo si passa al lavoro su quella  anteriore e, anche in questo caso, si comincia con una apertura dei punti  energetici. Si prosegue con il massaggio alle gambe, all’addome, alle braccia e  alla testa, dove il viso viene semplicemente sfiorato.